Credito agevolato

FIN005 259x195

A seguito della crisi economica e dei nuovi parametri di valutazione del Rating , stabiliti con l’accordo tra le Banche Centrali Europee definito come “ Basilea 3 “ circa l’80 % delle PMI non presenta i necessari requisiti di Merito Creditizio  per accedere al 

» Leggi di più

Finanza Agevolata

FIN001

Le normative in materia di Finanza Agevolata per l’impresa, Comunitarie, Nazionali e Regionali sono molteplici e coprono tutti i settori di attività.

Finanziamenti Regionali

PON - PSR - Artigianato

 » Leggi di più

Marketing

MARKETING 259x195

Philip Kotler guru del management fornisce una definizione semplice ed esplicativa: "Il marketing consiste nell’individuazione e nel soddisfacimento dei bisogni umani e sociali
Oggi il termine marketing non

» Leggi di più

Consulenza Strategica

ConsulenzaStrategica 259x195

I Consulenti PRISMA Studio svolgono una attività di Analisi mirata ai principali elementi di valutazione :
Strategie di risanamento e sviluppo   (conseguire performance superiori)
Controllo Strategico e di

» Leggi di più

 

CAMPANIA PARTECIPAZIONE A FIERE INTERNAZIONALI E TURISMO: DOMANDE ENTRO IL 15 FEBBRAIO 2018

 

La Regione Campania, in collaborazione con Unioncamere Campania, al fine di favorire la promo-commercializzazione turistica della Campania in Italia e nel mondo intende acquisire manifestazione d’interesse per la partecipazione alle fiere di seguito indicate:

  • BERLINO ITB   dal   07 al  11 MARZO 2018
  • MOSCA   MITT   dal 13 al  15 MARZO 2018
  • NAPOLI  BMT    dal 23 al  25 MARZO 2018
  • DUBAI   ATM     dal 22 al  25 APRILE 2018

Le aziende e le associazioni/consorzi del comparto turistico nonché i soggetti istituzionali interessati ad essere accreditati presso lo stand della Regione Campania alle suddette manifestazioni, dovranno far pervenire la propria richiesta, unitamente ad una dettagliata descrizione della proposta commerciale/promozionale (scheda di descrizione dell’offerta) da presentare durante la fiera.

Solo in caso di invio della scheda di cui al punto precedente, la richiesta di partecipazione verrà inserita in elenco nell'ordine cronologico stabilito dalla data ed ora di spedizione della e-mail.

Per partecipare alle manifestazioni bisogna presentare istanza di partecipazione e la descrizione dell’offerta alla Direzione Generale per le Politiche Culturali e il Turismo, esclusivamente via e-mail.

La Regione si riserva la valutazione di merito delle istanze presentate.

Successivamente alla verifica delle richieste pervenute, verrà inviata a ciascun soggetto richiedente una e-mail con richiesta di conferma della partecipazione.

La conferma è obbligatoria per la partecipazione e la stessa impegna inderogabilmente il richiedente a garantire la partecipazione all’evento fieristico.

In caso di mancata partecipazione all’evento confermato, il soggetto verrà escluso dalla partecipazione alle manifestazioni successive.

L’ammissione dei richiedenti presso lo stand regionale è gratuita e include la possibilità di distribuire il proprio materiale promozionale e di usufruire degli spazi comuni.

In generale, la partecipazione non prevede assegnazione di spazi in uso esclusivo da personalizzare.

DOMANDE: entro e non oltre il giorno 15 febbraio 2018.

 

Richiedi Consulenza per Maggiori Info

 

MISE: BANDO CENTRI DI COMPETENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE INDUSTRIA 4.0

 

La misura promuove la costituzione dei centri di competenza ad alta specializzazione su tematiche Industria 4.0, nella forma del partenariato pubblico-privato.

  • I centri di competenza dovranno svolgere attività di orientamento e formazione alle imprese nonché di supporto nell'attuazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzati alla realizzazione, da parte delle imprese fruitrici, in particolare delle Pmi, di nuovi prodotti, processi o servizi (o al loro miglioramento) tramite tecnologie avanzate in ambito Industria 4.0.

Il programma di attività consta nell'erogazione dei seguenti servizi:

  • a) orientamento alle imprese, in particolare PMI, attraverso la predisposizione di una serie di strumenti volti a supportare le imprese nel valutare il loro livello di maturità digitale e tecnologico 
  • b) formazione alle imprese, al fine di promuovere e diffondere le competenze in ambito Industria 4.0 mediante attività di formazione in aula e sulla linea produttiva e su applicazioni reali 

In particolare, le attività di formazione e diffusione delle tecnologie in ambito Industria 4.0 potranno consistere in:

  • predisposizione di materiale informativo su tecnologie in ambito Industria 4.0 e relativi benefici, supportato da casi reali
  • realizzazione di una o più linee produttive dimostrative all’interno del centro di competenza con l’obiettivo di presentare, in un ambiente reale, l’applicazione delle tecnologie in ambito Industria 4.0;
  • sviluppo di casi d’uso per testare i contenuti oggetto del corso di formazione con i partecipanti interagendo con le linee produttive dimostrative, simulando le variazioni di produttività in assenza o presenza di uno o più tecnologie in ambito Industria 4.0;
  • predisposizione di applicativi per presentare ai partecipanti ai corsi di formazione gli indicatori di performance e i relativi benefici in termini di minori tempi di avvio e ciclo di produzione, minori errori, maggiore qualità, maggiore efficienza degli impianti, etc., delle linee di produzione e delle singole tecnologie in ambito Industria 4.0.                                  c) attuazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale, proposti dalle imprese   

Il centro di competenza si dovrà dotare di tutte le competenze e le necessarie strumentazioni per realizzare progetti di innovazione, di ricerca industriale e sviluppo sperimentale in ambito Industria 4.0.

I PROGETTI DEVONO, INOLTRE, PREVEDERE:

  • a) un piano di intervento concreto, dettagliato in investimenti, costi, tempi;
  • b) la stima dei benefici economici per l’impresa sul piano di riduzione di inefficienze, sprechi e costi, anche in termini di miglioramento della qualità dei processi e dei prodotti;
  • c) la redazione di un piano finanziario a copertura dei costi del progetto;
  • d) un livello di maturità tecnologica (Technology readiness level, “TRL”) in un intervallo tra TRL 5 e TRL 8 e che comunque raggiunga, al termine delle attività, un livello pari almeno a TRL 7.

I benefici sono concessi nella forma di contributi diretti alla spesa in relazione a: 

  • costituzione e avviamento del centro di competenza, nella misura del 50 per cento delle spese sostenute, per un importo complessivo non superiore a 7,5 milioni di euro

  • progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale presentati dalle imprese, nella misura del 50 per cento delle spese sostenute, per un importo massimo non superiore a 200 mila euro per progetto.

Sono ammissibili le spese aventi ad oggetto:

  • a) l’acquisizione di attrezzature, impianti e macchinari, nonché componenti hardware e software funzionali alla realizzazione del programma di attività;
  • b) il personale dipendente del soggetto proponente o in rapporto di collaborazione con contratto di collaborazione o di somministrazione di lavoro, ovvero titolare di specifico assegno di ricerca, nella misura in cui è impegnato nella realizzazione del programma di attività del centro;
  • c) licenze e diritti relativi all’utilizzo di titoli della proprietà intellettuale;
  • d) servizi di consulenza specialistica e tecnologica;
  • e) organizzazione di corsi di formazione sulle tecnologie e le applicazioni in ambito Industria 4.0, per facilitare la condivisione delle conoscenze e il lavoro in rete;
  • f) attività di marketing del centro di competenza volta a promuovere la partecipazione di nuove imprese o organismi di ricerca ed aumentare la visibilità del centro.

Non sono ammissibili ai benefici le spese riferite all’acquisto o alla locazione di immobili e/o fabbricati.

Il finanziamento pubblico copre nella misura massima del 50 per cento le spese del centro di competenza

DOMANDE

Dal 1 febbraio 2018 al 30 aprile 2018.

 

Richiedi Consulenza per Maggiori Info

 

 

Credito di imposta per imprese turistiche, click day il 26 febbraio 2018

 

Sarà operativa la procedura telematica per il Tax Credit Turismo 

  • dalle 10 del 26 febbraio alle 16 del 27 febbraio 2018 

il click day per accedere al tax credit riqualificazione, il credito d’imposta a sostegno degli interventi di ristrutturazione edilizia, abbattimento delle barriere architettoniche ed efficientamento energetico delle imprese turistiche.

Obiettivo del Bonus Fiscale è sostenere gli investimenti di : 

  • strutture alberghiere
  • agriturismi 
  • stabilimenti termali

per interventi di :

  • ristrutturazione edilizia
  • interventi di eliminazione delle barriere architettoniche
  • interventi di incremento dell’efficienza energetica;
  • spese per l’acquisto di mobili e componenti d’arredo destinati esclusivamente alle strutture oggetto degli interventi.

Il credito d’imposta è riconosciuto nel limite di :

  • 60 milioni di euro per l’anno 2018, di
  • 120 milioni di euro nel 2019 e di
  • 60 milioni di euro nel 2020

e deve essere fruito in due quote annuale di pari importo a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in cui gli interventi sono stati realizzati.

Il credito di imposta copre il 65% delle spese ammissibili.

Le istanze vanno presentate esclusivamente online, insieme alla documentazione delle spese sostenute, attraverso il Portale dei Procedimenti.

La compilazione deve essere effettuata esclusivamente

dalle 10 del 25 gennaio ed entro le 16 del 19 febbraio 2018.

Il click day per l’invio partirà alle 10 del 26 febbraio per chiudersi alle 16 del 27 febbraio 2018.

 

Richiedi Maggiori Info

 

 

"SME INSTRUMENT 2018": DAL 8 FEBBRAIO AL VIA LA CALL 2018 

 

SME Instrument è uno programma europeo di Horizon 2020 dedicato esclusivamente alle PMI che intendono sviluppare delle innovazioni          (di prodotto, di servizio, di processo ) per accrescerne la competitività sui mercati internazionali.

LE TRE FASI DELLO SME INSTRUMENT :

Fase 1: Valutazione dell’idea e dalla fattibilità:

Sviluppare uno Studio di fattibilità che verifica la fattibilità tecnologica/pratica oltre che economica di una idea/concept considerevolmente innovativa per il settore industriale in cui viene presentato (nuovi prodotti, processi, progettazione, servizi e tecnologie o nuove applicazioni di mercato delle tecnologie esistenti).

  • Le attività potrebbero, ad esempio, comprendere la valutazione dei rischi, studi di mercato, coinvolgimento degli utenti, la gestione della proprietà intellettuale, sviluppo della strategia di innovazione, ricerca di partner, la fattibilità del concept per stabilire un solido progetto di innovazione ad alto potenziale allineato alla strategia aziendale e con una dimensione europea.
  • La proposta dovrebbe contenere un business plan iniziale basato sull’idea/concetto proposta, con le specifiche dei risultati del progetto e dei criteri per il successo.

Fase 2: Dimostrazione, Market Replication, R&S:

Le attività dovrebbero concentrarsi sulle attività di innovazione come dimostrazione, sperimentazione, prototipazione, impianti pilota, scaling-up, miniaturizzazione, design, market replication e simili.

Le PMI possono subappaltare il lavoro e la conoscenza che è essenziale per il loro progetto di innovazione.

Il piano di commercializzazione deve dimostrare un percorso credibile per il mercato anche dimostrando la capacità di andare dallo sviluppo alla fase di produzione.

Fase 3: Commercializzazione:

  • Questa fase non prevede finanziamenti diretti, ma le PMI possono beneficiare di misure e servizi di sostegno indiretti, come l’accesso ai servizi finanziari sostenuti nell’ambito di Horizon 2020.

A ciascun beneficiario dello SME instrument sarà  offerto un sostegno di business coaching durante la Fase 1 (fino a 3 giorni di coaching) e la Fase 2 (fino a 12 giorni), in aggiunta al contributo offerto.

L’obiettivo ultimo è quindi quello di trasformare idee profondamente innovative in soluzioni concrete con un impatto europeo e globale.

Come stabilito dal Regolamento (EU) N. 1290/2013 all’articolo 53, solo le PMI possono partecipare alle calls pubblicate a norma dello strumento specificamente destinato alle SME di cui all’articolo 22 del regolamento (UE) n. 1291/2013.

  • Esse possono cooperare con altre imprese e con organizzazioni di ricerca o università.
  • Pertanto la condizione minima è la partecipazione di un soggetto giuridico stabilito in uno Stato membro o in un paese associato.

SPESE AMMESSE

FASE 1:

Vengono finanziati tutti i costi eleggibili (costi diretti e indiretti) che possono essere ricondotti alle attività per il Feasibility study dell’idea progettuale 

FASE 2:

Viene rimborsato il 70% dei costi eleggibili per l’azione.

I costi ammissibili devono essere dichiarati nelle seguenti forme di costo:

  • costi di personale diretti,
  • costi diretti di subappalto,
  • costi diretti di fornitura supporto finanziario a terze parti,
  • altri costi diretti (es. viaggi, attrezzature, materiali di consumo);
  • costi indiretti sulla base di una flat-rate del 25% dei costi diretti ammissibili.

FASE 3: 

Non sono previste sovvenzioni ma finanziamenti indiretti (es. accesso ai servizi finanziari sostenuti con Access to Risk Finance)

CONTRIBUTO

FASE 1:

l’ammontare del finanziamento è stabilito a € 50.000.

  • Al beneficiario andrà un prefinanziamento ed un pagamento a saldo

FASE 2:

  • Il contributo dell’EU nella forma di concessione si prevede essere dell’ordine di € 500.000 fino a € 2,5 milioni.

Tuttavia, questo non preclude la presentazione e selezione delle proposte che richiedano altri importi.

IL FUNDING RATE PER LA FASE 2 È DEL 70% DEI COSTI ELEGGIBILI .

  • Al beneficiario andrà un prefinanziamento;
  • uno o più pagamenti intermedi ed il pagamento del saldo.

FASE 3:

le PMI possono beneficiare di misure e servizi di sostegno indiretti, come l’accesso ai servizi finanziari sostenuti con Access to Risk Finance.

TEMPISTICA

Fase 1: I progetti dovrebbero durare circa 6 mesi.
Fase 2: I progetti dovrebbero durare tra i 12 ei 24 mesi.

DOMANDE FASE 1 2018

Le domande di finanziamento possono essere presentate esclusivamente mediante procedura telematica, dal 8 febbraio 2018 al 7 ottobre 2018.

 

Richiedi Prima Consulenza Gratuita per Maggiori Info

 

 

 NUOVA SABATINI/DISPONIBILITA' APRILE 2018 : 320 MLN / € 

 

Il MISE ha comunicato che sono ancora disponibili risorse pari ad oltre 320 miliponi di Euro  riservate alle PMI  per prenotare l'erogazione di un Mutuo Agevolato destinato all'acquisto di Beni Strumentali , fino all'esaurimento delle risorse disponibili.

Finanziamenti  deliberati per dimensione di impresa al 3 Aprile 2018 :

  • Medie aziende:  € 3.952.738.747
  • Piccole aziende: € 5.098.955.976
  • Micro aziende:  € 1.987.620.775 

La legge di Bilancio 2018 ha rifinanziato con 550 milioni di €  e prorogato al 2023 la misura per le agevolazioni alle imprese che effettuano investimenti e ha disposto anche una riserva specifica del 30% per gli investimenti industria 4.0, per i quali è prevista una maggiorazione del contributo del 30%.

Lo strumento agevolativo cd. “Nuova Sabatini”  è finalizzato a migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle PMI

La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e consente l’accesso a mutui a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.

Il finanziamento, cui è subordinato il riconoscimento del contributo da parte del Ministero, deve essere deliberato entro il 31 dicembre 2018 da una banca/intermediario finanziario aderente alla convenzione.

L'importo non superiore a 2 milioni di € può essere  frazionato in più iniziative di acquisto.

I finanziamenti possono coprire fino al cento per cento dei costi ammissibili ed hanno una durata massima di cinque anni dalla stipula del contratto

Sono ammessi alle agevolazioni gli investimenti avviati successivamente alla data della domanda di accesso ai benefici e conclusi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. A tale fine è presa in considerazione la data dell'ultimo titolo di spesa riferito all'investimento o, nel caso di operazione in leasing finanziario, la data dell'ultimo verbale di consegna dei beni.

L'investimento, e i relativi beni oggetto di agevolazione devono far riferimento a un'unica unità produttiva.

Qualora l'impresa voglia acquisire beni riferiti a più sedi operative deve presentare, per ciascuna di esse, una distinta domanda di accesso alle agevolazioni.

Le imprese operanti nei settori agricolo, forestale e zone rurali possono accedere ai benefici per la realizzazione dei seguenti investimenti 

  • materiali o immateriali nelle aziende;
  • nel settore della trasformazione di prodotti agricoli e della commercializzazione di prodotti agricoli.

SETTORE PESCA E ACQUACOLTURA

Le imprese operanti nel settore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura possono accedere ai benefici per la realizzazione di investimenti 

  • volti a migliorare l'efficienza energetica e a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici;
  • volti alla realizzazione dei porti di pesca, luoghi di sbarco, sale per la vendita all'asta e ripari di pesca;
  • produttivi nel settore dell'acquacoltura;
  • alla commercializzazione;
  • nel settore della trasformazione dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura.

 

ALTRI SETTORI

Per le PMI operanti in settori non ricompresi tra quelli su indicati, gli investimenti devono essere riconducibili a una delle seguenti tipologie 

  • a) creazione di un nuovo stabilimento;
  • b) ampliamento di uno stabilimento esistente;
  • c) diversificazione della produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi;
  • d) trasformazione radicale del processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente;
  • e) acquisizione di attivi di uno stabilimento, se sono soddisfatte le seguenti condizioni:
    - lo stabilimento è stato chiuso o sarebbe stato chiuso se non fosse stato acquistato;
    - gli attivi vengono acquistati da terzi che non hanno relazioni con l'acquirente;
    - l'operazione avviene a condizioni di mercato.

SPESE AMMISSIBILI

ACQUISTO O LEASING, DI : 

  • macchinari,
  • impianti,
  • beni strumentali d'impresa e
  • attrezzature
  • nuovi di fabbrica ad uso produttivo,
  • nonchè di
  • hardware,
  • software e
  • tecnologie digitali

Nel settore dei trasporti le spese relative all'acquisto dei mezzi e delle attrezzature di trasporto sono ammissibili limitatamente alle imprese che esercitano attività diverse da quelle del trasporto merci su strada e del trasporto aereo.

CONTRIBUTO 

Il contributo in conto impianti è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati in via convenzionale, su un finanziamento quinquennale e di importo pari all’investimento, al tasso del 2,75%.

Per favorire la transizione del sistema produttivo alla manifattura digitale, sono ammessi alla misura agevolativa gli investimenti in tecnologie, compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID) e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Per tali tipologie di investimenti, il contributo statale in conto impianti è maggiorato del 30 per cento rispetto alla misura massima stabilita dalla disciplina vigente.

Pertanto il contributo del 2,75% annuo sugli investimenti ordinari, è maggiorato del 30% e quindi diventa pari al 3,575% annuo.

GARANZIA

Ciascun finanziamento può essere assistito dalla garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino al massimo previsto dalla normativa vigente (80% dell’ammontare del finanziamento)

DOMANDE

  • Sportello aperto. Procedura a sportello 

 

Per una Prima Valutazione Gratuita di fattibilità inoltrare richiesta a 

  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Mission

La nostra Mission si esprime in un concetto semplice: Supportare le fasi di crescita della Vostra Azienda

Nell’era della Globalizzazione la spietata competizione dei mercati Asiatici ed Internazionali non consente alle PMI, in particolar modo nelle Aree 

» Leggi di più

Dove Siamo

Contatti

PRISMA Studio 
Credito & Finanza Agevolata 
Via Partenio, 12 - Avellino

Mobile
(+39) 329 2251266

E-mail
segreteria@prismasas.com